Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Deducibilità fiscale

 

 

L'Agenzia delle Entrate con la Circolare n.26/E del 01/08/2013 ha fissato i criteri legali che deve possedere un credito perché possa essere validamente considerato inesigibile e di conseguenza fiscalmente deducibile, disponendo tra l'altro che l'inesigibilità del credito debba essere comprovata  da "elementi certi e precisi".

Quando il credito può essere deducibile

La predetta Circolare ha altresì stabilito che la relazione  rilasciata da un'agenzia di recupero crediti legalmente autorizzata possa essere ritenuta un elemento valido a supporto della deducibilità fiscale del credito, a condizione che venga adeguatamente documentata la definitiva impossibilità del debitore a far fronte alle proprie obbligazioni.

Certificato di inesigibilità del credito

In caso di recupero credito con esito negativo, DIMAP provvederà a rilasciare una relazione finale d'intervento che attesti l'attività esercitata unitamente alle motivazioni che hanno reso infruttuosa l'attività di recupero.

Questa relazione, sulla base della normativa vigente ed in presenza dei necessari presupposti, potrà essere considerata un adeguato elemento di prova a fini fiscali per poter portare a perdita il credito inesigibile.